IL MUSEO DEL PRESEPE DI USIGLIANO - LARI (PI)

Usigliano è un piccolo paese in provincia di Pisa, situato su una collina circondata da  boschi, vigneti e frutteti in una delle zone più belle ma forse meno conosciute della Toscana centrale. La Fattoria Castelli è una tipica fattoria toscana che risale al 1700, ubicata all'estremità del borgo, immersa nel verde in posizione dominante le valli ed i colli circostanti. L'edificio è stato sapientemente ristrutturato dall'attuale proprietario che ha riportato all'antico splendore la superba cantina di 300 metri scavata nel tufo, il coppaio ove veniva conservato l'olio di oliva in apposti grandi vasi di terracotta detti "coppi" ed il frantoio con la ruota in pietra, funzionante fino al 1975.

In questi suggestivi ambienti nel novembre 2003 è stato inaugurato il Museo del presepe, unico in Toscana, e visitabile tutto l'anno su appuntamento. Il percorso inizia dalla cantina, che ospita metà dei presepi nelle nicchie che si aprono sul lungo e  grande corridoio fra tini e grandi botti. Riproducono in scala e con molta accuratezza di particolari scene della nascita di Gesù ambientate in borghi ottocenteschi toscani, oppure in grotte ed ambienti della Palestina. Alcuni sono anche realizzati dentro botti di piccole e medie dimensioni, altri raggiungono i 2/4 mq. Nel coppaio sono allestite le opere più grandi: un presepe riproduce un vecchio casolare realizzato interamente murando centinaia di piccoli veri mattoni in terracotta, con assesso il fienile ove nasce il Bambino Gesù. Completano la scena una  fontana-lavatoio, il pozzo, il porcile ed il forno all'aperto per fare il pane. Tutto è improntato sul massimo realismo omaggio a quella civiltà contadina portatrice come il presepe dei grandi valori di pace, e solidarietà che il museo vuol far conoscere in particolar modo alle nuove generazioni. 
Orario: dal lunedì al venerdì visite su appuntamento - tel. 0587/685047 - 335/5920686
Sabato, domenica e festivi: dalle 16,30 alle 19.   

Siti internet:
www.100meganet.com/battitori/presepi.html  

 


































Nessun commento:

Posta un commento